Archaeology

Gli scavi di Giacomo Boni al foro Romano, Documenti dall’Archivio Disegni della Soprintendenza Archeologica di Roma I.1

By Capodiferro Alessandra, Fortini Patrizia

Giacomo Boni, nato a Venezia il 25 aprile 1859, morto a Roma il 10 luglio 1925. Dopo aver intrapreso studi tecnici e commerciali, partecipò a Venezia ai lavori di restauro del Palazzo Ducale. Nel corso dei lavori il Boni manifestò immediatamente le sue doti di disegnatore di grande qualità, particolarmente attento al rispetto del carattere storico dei monumenti antichi. Frequentò i corsi di architettura all’Accademia di Belle Arti, approfondì gli studi classici e strinse legami con il mondo culturale inglese, finché nel 1888 fu chiamato a Roma dal ministro dell’Istruzione P. Boselli, prima come segretario in step with los angeles Regia Calcografia, poi come ispettore dei monumenti presso l. a. Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti, a capo della quale period allora G. Fiorelli .
Nel 1898 il Ministro della Pubblica Istruzione G. Baccelli gli affidò l. a. direzione degli scavi del Foro Romano.
La complessa attività di studio e di ricerca, condotta in maniera particolarmente intensa soprattutto tra il 1899 e il 1905, è testimoniata dai documenti (carteggi e disegni) conservati principalmente nell’Archivio della Soprintendenza Speciale in step with i Beni Archeologici di Roma, presso l. a. sede di S. Maria Nova, al Palatino.
Le indagini archeologiche furono eseguite mediante l’applicazione del metodo dello scavo stratigrafico, che consentiva di recuperare tutti i dati utili alla ricostruzione storica dell’area. I lavori di scavo portarono alla scoperta di importanti monumenti del Foro Romano (Niger Lapis, Regia, Gallerie Cesaree, Horrea Agrippiana, necropoli arcaica presso il tempio di Antonino e Faustina ).
Nel 1907 l’Ufficio degli scavi del Foro comprese anche los angeles zona del Palatino, dove il Boni riportò in luce una cisterna a tholos (il Mundus), il complesso di gallerie sotterranee advert essa annesse, l. a. Casa dei Grifi, l. a. c. d. Aula Iliaca, i c. d. Bagni di Tiberio e un fondo di capannasotto il peristilio della Domus Flavia.
L’attività del Boni si interruppe con lo scoppio della prima guerra mondiale; egli partecipò al conflitto e, tornato dal fronte, si ammalò. Riprese le ricerche archeologiche nel 1916 e fu in seguito nominato Senatore il three marzo 1923; durante il periodo fascista aderì alle motivazioni ideologiche del fascismo, nel quale individuava l. a. continuazione dell’idea dell’antica Roma e dell’impero Romano.
Morì a Roma il 1925 e fu sepolto al centro degli Orti Farnesiani sul Palatino.

Show description

Quick preview of Gli scavi di Giacomo Boni al foro Romano, Documenti dall’Archivio Disegni della Soprintendenza Archeologica di Roma I.1 PDF

Best Archaeology books

The Origin of Our Species

Chris Stringer's bestselling "The foundation of our Species" tackles the large questions within the ongoing debate in regards to the beginnings of human existence in the world. Do all people originate from Africa? How did we unfold around the globe? Are we become independent from Neanderthals, or do a little people even have their genes?

The Vikings: A Very Short Introduction (Very Short Introductions)

The Viking popularity is considered one of bloodthirsty seafaring warriors, time and again plundering the British Isles and the North Atlantic during the early heart a while. but Vikings have been additionally investors, settlers, and farmers, with a posh inventive and linguistic tradition, whose growth in a foreign country led them to go the Atlantic for the 1st time in ecu background.

Biblical Archaeology: A Very Short Introduction

Public curiosity in biblical archaeology is at an all-time excessive, as tv documentaries pull in thousands of audience to observe indicates at the Exodus, the Ark of the Covenant, and the so-called misplaced Tomb of Jesus. vital discoveries with relevance to the Bible are made almost each year--during 2007 and 2008 on my own researchers introduced at the least seven significant discoveries in Israel, 5 of them in or close to Jerusalem.

The Reader in the Book: A Study of Spaces and Traces (Oxford Textual Perspectives)

The Reader within the publication is worried with a selected element of the heritage of the booklet, an archeology and sociology of using margins and different clean areas. some of the most usual features of outdated books is the truth that humans wrote in them, anything that, until eventually very lately, has infuriated smooth creditors and librarians.

Additional resources for Gli scavi di Giacomo Boni al foro Romano, Documenti dall’Archivio Disegni della Soprintendenza Archeologica di Roma I.1

Show sample text content

Download PDF sample

Rated 4.63 of 5 – based on 41 votes